Produzione Gelati e Sorbetti

Cuore pulsante del processo di lavorazione è l’HTST (High Temperature Short Time), un impianto tecnologicamente all’avanguardia, a risparmio energetico, controllato elettronicamente in tutte le sue fasi. Questo macchinario è costituito da un unico blocco che lavora “in continuo” in modo che la produzione della miscela gelato avvenga in un circuito chiuso e asettico.

Il composto, completata la fase di pastorizzazione e omogeneizzazione all’interno dell’HTST, passa nei tini di maturazione dove ottiene la tipica consistenza cremosa. Dopo qualche ora, che varia a seconda del tipo di miscela in preparazione, viene trasferito nei frigus mantecatori, al cui interno subisce un aumento in volume attraverso l’immissione di aria (overrun), controllata da sistemi a carboni attivi ad alto rendimento. Innovativa e fedele alla filosofia di Monsù è la scelta di ridurre il tasso di overrun dal 120% al 40%: una riduzione dell’aria presente normalmente nei gelati industriali che ha lo scopo di garantire al gelato maggiore corpo e cremosità, oltre a una migliore resistenza e un gusto più intenso.

Infine, il prodotto è sottoposto ad un processo di congelamento ultra-rapido all’interno di una centrale frigo in cui raggiunge nell’arco di un’ora una temperatura media livellata di -12°C. L’abbattimento della temperatura ne consolida la struttura e la consistenza e ne garantisce la perfetta conservabilità a lungo termine. Il gelato viene poi confezionato in barattolini di cartone adatto alla catena del freddo. Particolare importanza assume l’impiego di un Tamper Lid, una pellicola termosaldata che protegge la qualità del gelato ed è garanzia di sicurezza.